Ti trovi in:

Home » Cittadino » Ecologia e ambiente » Tutela dall'inquinamento atmosferico » Provvedimenti per la prevenzione e la riduzione dei livelli di concentrazione di Polveri Sottili

Provvedimenti per la prevenzione e la riduzione dei livelli di concentrazione di Polveri Sottili

Immagine decorativa

Il Comitato di Indirizzo e Sorveglianza (CIS) convocato dalla Regione Veneto in data 21.09.2017 ha evidenziato che il sistema regionale delle azioni emergenziali, da adottarsi per la riduzione dei livelli di PM10 nella stagione invernale, si articola nei seguenti tre livelli:

  • livello “nessuna allerta - verde” da applicare dal 1° ottobre al 31 marzo;
  • livello di “allerta 1 – arancione” da applicarsi dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 microgrammi al metro cubo della concentrazione di PM10;
  • livello di “allerta 2 – rosso” da applicarsi dopo 10 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 microgrammi al metro cubo della concentrazione di PM10;

Pertanto, il Tavolo Tecnico Zonale (T.T.Z.) convocato dalla Provincia di Vicenza il 10.10.2017 ha proposto ai Comuni del Vicentino per la stagione invernale 2017-2018, l’adozione di  alcune misure tra quelle suggerite in tale sede, al fine di contenere e/o ridurre i valori degli inquinanti nell’atmosfera; ciò in considerazione del livello di inquinamento della Pianura Padana per cui è ragionevole pensare che le misure di cui al livello “nessuna allerta - verde ” siano da considerarsi strutturali, nel periodo indicato dall'Accordo del Bacino Padano.

Per tale motivo , su invito del Presidente della Provincia di Vicenza rivolto a tutti i Sindaci, sentiti gli organi tecnici di ARPAV ed USL, è stato attivato il livello "nessuna allerta - verde" con l’emissione dell'ordinanza dirigenziale valevole per il periodo dal 25 ottobre 2017 al 31 marzo 2018 con l'obiettivo di un'azione unitaria e compatta di livello provinciale, secondo lo schema proposto dal Tavolo Tecnico Zonale in attuazione del Piano Regionale di tutela e risanamento dell’Atmosfera (PRTRA).

 

Con Ordinanza Dirigenziale n. 578 del 23/10/2017 sono stati adottate le misure strutturali al fine del contenimento degli inquinanti dell'atmosfera. 

Pertanto, si invita a:

a) La Cittadinanza ad usare il meno possibile l’automobile in ambito urbano e a privilegiare l’uso del mezzo pubblico e degli altri mezzi di trasporto non inquinanti. Per l’alimentazione dei propri veicoli ad usare carburante a minor impatto ambientale (gasolio a basso tenore di zolfo, gasolio bianco, gpl, gas metano).

b) Le Aziende di trasporto pubblico locale e privato a privilegiare l’utilizzo, nel periodo sotto indicato, dei mezzi a minore emissione.  

c) Le Imprese ad effettuare ogni intervento possibile per garantire un’elevata efficienza e manutenzione degli impianti posti a presidio delle fonti inquinanti, in particolare per ridurre le emissioni in atmosfera, sensibilizzando gli operatori ad utilizzare veicoli a ridotto impatto ambientale.

d) Gli Uffici pubblici a ridurre ulteriormente la temperatura ammessa.

SI ORDINA nel periodo compreso tra il 25 ottobre 2017 e il 31 marzo 2018:

1. spegnimento degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei motori dei veicoli merci durante le fasi di carico/scarico, dei treni e/o locomotive con motore a combustione nelle fasi di sosta, di tutti i veicoli in fermata in corrispondenza dell’impianto semaforico di Vicolo Bastion-intersezione Via Brocchi;

2. divieto di combustione delle biomasse (c.d. abbrucciamento) dei materiali vegetali/ramaglie;

3. riduzione delle temperature massime per il riscaldamento civile: a 19°C (con tolleranza di 2°C) nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali.

ORDINA ALTRESI’, nel periodo compreso tra il 02 novembre 2017 e il 31 marzo 2018:

4. divieto di circolazione per i ciclomotori a due tempi di classe Euro 0, motoveicoli di classe euro 0, autoveicoli alimentati a benzina di classe Euro 0 ed Euro 1 e di tutti i veicoli alimentati a combustibile diesel di classe Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, nei giorni feriali dalle ore 8:30 alle 12:00 e dalle ore 15:00 alle 18:30, salve le esclusioni sotto indicate, nella parte del Centro Storico di Bassano del Grappa come identificato dalla planimetria che si allega alla presente per farne parte integrante (Allegato Sub. A), a cui si può accedere attraverso i seguenti varchi:

  • Porta delle Grazie
  • Via Margnan a partire dal varco della ZTL
  • Vicolo da Ponte
  • Via Museo
  • V.lo Brocchi
  • Via Verci
  • Via Bastion a partire dall’intersezione con Porto di Brenta
  • Vicolo Macello a partire dall’intersezione con Via Scalabrini
  • Via Angarano tronco est a partire dall’intersezione con Via Scalabrini

ATTENZIONE ESCLUSIONI

  • sono esclusi dal punto 3 del presente provvedimento:

- le case di cura e/o di riabilitazione, le case di riposo, gli ambulatori medici, le scuole per l’infanzia e le scuole primarie di primo e secondo grado, le abitazioni con ammalati, gli anziani a partire da 65 anni di età e i bambini fino all'età di 5 anni;

  • sono esclusi dal punto 4del presente provvedimento:
    • veicoli degli Enti locali, mezzi comunali o per lo svolgimento di servizi pubblici locali, motoveicoli e ciclomotori della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, della Guardia di Finanza, delle Forze Armate, dei Carabinieri/Forestali, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa italiana, dei Corpi e servizi di Polizia Locale e Provinciale e della Protezione Civile;
    • veicoli per il trasporto di portatori di handicap o di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso;
    • veicoli speciali definiti dall'art. 54 lett. f), g) e n) del Codice della Strada;
    • taxi e veicoli in servizio a noleggio con conducente;
    • veicoli di trasporto di pasti confezionati per le mense ovvero di associazioni od imprese che svolgono servizi sociali o di assistenza alla persona;
    • veicoli per il mercato cittadino bisettimanale o titolari di autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico per cantieri edili;
    • veicoli per manifestazioni programmate;
    • veicoli adibiti a compiti di soccorso e rimozione, compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente, muniti di apposito contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;
    • veicoli che operano in dipendenza da contratti con il Comune o da Aziende speciali o di Società pubbliche per lo svolgimento di servizi pubblici locali;
    • veicoli con targa estera e targa E.E. purché i conducenti siano residenti ove il veicolo è immatricolato;
    • veicoli che trasportano farmaci, prodotti per uso medico e prodotti deperibili, quotidiani e periodici destinati alle edicole, nonché i veicoli al servizio dei mezzi d’informazione privata;
    • veicoli degli ospiti degli alberghi situati nell’area interdetta, limitatamente al percorso necessario all’andata e al ritorno dall’albergo, in possesso della copia della prenotazione;
    • veicoli degli istituti di vigilanza privata compresi i portavalori;
    • autoveicoli e motoveicoli d’epoca e di interesse storico e collezionistico ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs. n. 285/92 e s.m.i. “Nuovo Codice della Strada” (D.G.R.V. n. 4117/2007) in occasione di manifestazioni;
    • veicoli adibiti a cerimonie nuziali o funebri;
    • i veicoli dei sacerdoti e dei ministri di culto, di qualsiasi confessione, per gli adempimenti del proprio ministero;
    • veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per sottoporsi a visite mediche, cure ed analisi programmate nonché per esigenze di urgenza sanitaria da comprovare successivamente con certificato medico rilasciato dal pronto soccorso;
    • veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri in servizio di reperibilità, nonché i veicoli di associazioni, imprese e/o persone che svolgono servizio di assistenza sanitaria e/o sociale;
    • veicoli utilizzati per particolari attività urgenti e non programmabili, per assicurare servizi manutentivi di emergenza su impianti essenziali al funzionamento delle comunicazioni e dei servizi quali, acqua, luce, gas, fognature ovvero di altri impianti quali ascensori, caldaie e sistemi informatici.

SI AVVERTE CHE il presente provvedimento potrà essere modificato o anticipatamente sospeso a seguito dell’instaurarsi di particolari condizioni atmosferiche e diverrà efficace, per quel che riguarda il punto 4, con l’apposizione della prescritta segnaletica stradale.  

Allegati

Ordinanza Dirigenziale n. 578 del 23/10/2017

Mappa Allegato SUb A

Pubblicato: mercoledì, 23 dicembre 2015 - Ultimo aggiornamento: lunedì, 23 ottobre 2017